Come rifare la guarnizione giro motore BUS > '72

Guida

 

Nell'occasione del rifacimento della mia .. mi è venuto in mente di scrivere queste due righe ... Occhiolino

la guida sarà a breve disponibile anche sul sito MaggioliniPatavini e su Tuttomaggiolino ( adesso la spedisco Sorriso )

GUARNIZIONE GIRO MOTORE FAI-DA-TE

per Tipo 2 dopo il 1972

Premessa : avere una guarnizione giro motore integra e ben installata è una condizione IMPORTANTISSIMA per il corretto raffreddamento del motore, di tutti ( o quasi ) i motori vw raffreddati ad aria .. maggiolini.. furgoni .. pescacce ... etc ( fanno eccezione le Tipo 3 e le Tipo 4 )

Non è raro che l’importanza di questo fondamentale componente sia spesso trascurata e comporti spesso danni irreparabili al motore. La funzione della guarnizione è infatti quella di sigillare la parte superiore del motore da quella inferiore… la cosa si rivela essenziale in quanto il motore raffreddato ad aria dei nostri mezzi scarica nella parte inferiore l’aria di raffreddamento che passa attraverso i cilindri, la quale si riscalda raggiungendo temperature ragguardevoli. Se la guarnizione giro motore non è presente , o è danneggiata , quest’aria calda rientrerà attraverso le fessure risucchiata dalla ventola, che, invece di aspirare aria fresca dalle feritoie preposte, la rimetterà di nuovo in circolo. Essendo calda poi, non riuscirà a raffreddare i cilindri , i quali si scalderanno ulteriormente ... produrranno aria ancora + calda …che verrà di nuovo aspirata dalla ventola .. etc etc. Si instaurerà quindi un circolo vizioso che andrà ad aumentare a dismisura la temperatura del motore causandone la morte prematura o per lo meno stresserà e usurerà i componenti in maniera anomala

In queste due righe andò ad illustrare il modo di costruirsi in casa una efficiente guarnizione giro motore per tutti i furgoni che siano stati costruiti dopo il 1972.

Attrezzatura necessaria:

· 2 tubi da due metri di Polyflex ( isolante per tubazioni usato in termoidraulica ) delle dimensioni di 9mm di spessore x 22mm di diametro

· Un cutter

· Mastice

Si usa il polyflex perché è un materiale adatto a resistere alle alte temperature, è autoestinguente e molto morbido e adattabile. Inoltre ha un costo irrisorio ( circa 2 euro per 4 metri di tubo ). Lo si compra in qualsiasi negozio di termoidraulica , ferramenta o rivendita di materiali edili. Se ne usano 4 metri perchè i pezzi in vendita sono da due metri ciascuno .. ma se ne avanza comunque qualcosa

I tubo da usare è questo :





Prendete un cutter e con un po’ di pazienza e facendo attenzione ad andare dritti, tagliate il tubo a metà per tutta la sua lunghezza … Abbiate però l’accortezza di lasciare le scritte presenti sul tubo tutte da un verso, che dopo l’installazione sarà quello inferiore… nascosto



Quindi stendete internamente, nel mezzo di entrambe le metà, una sottile riga di mastice a contatto ( Bostik, Pattex ..etc ) … non usate altri adesivi .. non funzionano bene come il mastice



…aspettate che si asciughino BENE … ( 3-4 minuti ) … e premete con decisione facendo aderire le due metà lungo tutta la loro lunghezza.



Quello che otterrete è un nastro a forma di “X “ , saldato al centro, che si adatterà perfettamente a fare da guarnizione coprendo gli spazi tra i lamierati attorno al vostro motore



…ed ecco come la nostra guarnizione verrà poi installata ...



…e per finire … una panoramica del lavoro completato. Naturalmente il risultato non è perfetto come una guarnizione apposta ... ma il risultato è + che soddisfacente e soprattutto svolge egregiamenteil suo compito.



Ciao, buon lavoro e buone VW a tutti.

Turi - 15/04/2008


Autore della guida: turi - Guida inserita Lunedì, 21/04/2008 - 15:15


Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore

Vai a:  
Non puoi inserire guide in questa categoria
Non puoi modificare le tue guide in questa categoria
Non puoi eliminare le tue guide in questa categoria

Realizzato da Tortora Lucio

FAQ (Domande e Risposte)
Visualizza gruppi
Visualizza lista utenti
Contatta lo staff
Contatta il webmaster
Powered by phpBB
Credits